Coppa Mont Blanc

DolceverdeV/ Aprile 18, 2016/ Dolci al cucchiaio, Senza glutine/ 0 comments

simboli senza glutine vegan

Il Mont Blanc è uno dei dessert che ho amato di più nella mia vita… uno di quei dolci che anche dopo essere diventata vegana ha continuato a farmi venire l’acquolina in bocca al solo pensiero.  Eh già, ognuno ha i suoi punti deboli!

Ho sempre pensato che un giorno o l’altro avrei cercato di riprodurre questo dolce in versione vegan. Certo, l’ostacolo della panna e delle meringhe è sempre stato un freno non da poco… Ma poi sentendo tanto parlare dell’acquafaba non ho potuto fare a meno di provare a realizzare le famose meringhe vegan!

Che dire, mai avrei creduto che sostituendo l’albume d’uovo con l’acqua di cotture dei ceci  avrei potuto produrre delle deliziose meringhette!

A questo punto manca solo la panna!

E purtroppo continuerà a mancare…

Una panna montata vegan fatta in casa, spumosa e “leggera” come quella vaccina ancora non sono riuscita a realizzarla. Qualcosa mi dice che sarà molto difficile, se non impossibile, riuscire ad imitarne la consistenza senza ricorrere all’uso di additivi vari come avviene per la panna vegetale industriale. Io però non mi arrendo! Continuerò a sperimentare e a studiare una soluzione.

Intanto però, nell’attesa di scoprire un sistema per realizzare una panna montata con ingredienti più salubri, mi accontento di creare dei surrogati sicuramente non comparabili con l’originale, sia sotto l’aspetto del gusto che della consistenza, ma comunque più che soddisfacenti nel  loro complesso.

La simil panna creata per la coppa Mont blanc che vi presento è una crema gustosa e morbida che abbinata alle meringhe e ai marron glacé crea un risultato davvero sorprendente, proprio simile ad un Mont Blanc tradizionale! Da provare!

RICETTA

Ingredienti per 6 coppe

Meringhe

(vedi ricetta qui)

Panna ai marroni

250 g di latte vegetale
20 g di farina di riso
15 g di amido di mais
330 g di confettura di marroni
75 g di olio di cocco deodorato
25 g di olio di semi di girasole spremuto a freddo e deodorato
un cucchiaino di lecitina di soia in polvere*

Altri ingredienti

8 marron glacé

Procedimento per la panna ai marroni:

In una casseruola scaldate 250 g di latte vegetale portandolo quasi a bollore.

Togliete momentaneamente la casseruola dal fuoco, versatevi dentro la farina di riso e l’amido di mais e mescolate energicamente con la frusta.

Trasferite di nuovo sul fuoco e fate addensare per 5 – 6 minuti a fuoco dolce.

Spegnete e lasciate stiepidire.

Aggiungete l’olio di cocco, l’olio di semi e la lecitina e mescolate bene. Se preferite potete usare anche un frullatore ad immersione per omogeneizzare il tutto.

A questo punto unite la confettura di marroni amalgamandola perfettamente al composto.

Lasciate raffreddare in frigo prima di comporre il dessert.

Procedimento per il Bimby:

Inserite nel boccale il latte vegetale, la farina di riso e l’amido di mais e cuocete a 90°C per 7 minuti, velocità 4.

Lasciate stiepidire.

Aggiungete l’olio di cocco, l’olio di semi e la lecitina e amalgamate 20 sec. a vel. 4.

Unite la confettura di marroni e azionate il motore a vel.4 per altri 20 sec..

Lasciate raffreddare in frigo prima di comporre il dessert.

Assemblaggio:

Tagliate a tocchetti i marron glacé e disponeteli uniformemente sul fondo delle coppe.

Aiutandovi con una sacca da pasticciere distribuite la panna ai marroni sulla base di marron glacé e ponete le coppe in frigo per almeno un’ora.

Nel frattempo tagliate a pezzetti le meringhe e tenetele da parte.

Pochi minuti prima di servire il dessert guarnite le coppe con una cascata di pezzetti di meringhe. Non aggiungetele troppo in anticipo perché a contatto con l’umidità della panna tendono a perdere la loro friabilità.

Consigli per gli acquisti:

Olio di cocco: vi consiglio di usare un olio di cocco deodorato, ormai si trova facilmente nei negozi bio. Io uso indifferentemente queste due marche: Rapunzel e Naturata.

Confettura di marroni: In questa ricetta ho usato la confettura extra della Achillea. Ovviamente potete usarne anche di altre marche. Considerate soltanto che possono variare molto di densità tra una marca e l’altra e quindi a seconda di quella sceglierete cambierà anche la consistenza finale della crema. La confettura Achillea risulta piuttosto densa rispetto ad altre in commercio.

*la lecitina di soia in commercio spesso si trova in granuli. Purtroppo in questa forma risulta poco pratica per la preparazione dei dolci. Potete però facilmente renderla in polvere con l’aiuto di un macina caffè. In questo modo sarà più semplice dosarla e scioglierla nelle vostre preparazioni.

Share this Post

About DolceverdeV

Mi chiamo Silvia, sono nata a Roma nel 1977 e sono un'ex restauratrice di opere d'arte. Da sempre con la passione per l'arte ma anche per la buona tavola, cerco di conciliare oggi questi interessi con il mio attuale stile di vita. Vegana dal 2014 per ragioni etiche, trovo finalmente nella pasticceria vegana il connubio ideale per sviluppare una nuova ed entusiasmante attività. Autrice del presente food blog di pasticceria vegana, tengo corsi amatoriali di cucina vegetale con l'obiettivo di divulgare un modo di mangiare sano ed etico e di rendere la cucina vegetale un’esperienza creativa, adatta a tutti.

0 Comments

  1. Adorabile questa versione 🙂

Leave a Comment

Lascia una recensione*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*